Accollo Mutuo è conveniente?

Cos’è l’accollo di un mutuo preesistente?

L’accollo del mutuo è un’operazione che consiste nel prendersi un altrui debito, di futura scadenza, mediante una convenzione tra il debitore accollato e il terzo accollante, il quale si obbliga a versare, in sostituzione dell’altro al creditore accollatario la quota rimanente di rimborso. E’ una procedura a cui si ricorre quando si vuole comprare un’abitazione che è già sottoposta ad ipoteca su cui grava un mutuo. L’accollo del mutuo è regolato dall’art. 1273 del codice civile.

Accollo mutuo casa

In sostanza, l’accollo del mutuo è un contratto che viene sottoscritto tra il mutuatario originale del mutuo e la persona interessata ad acquistare la casa su cui vi è un mutuo. Dunque chi subenstra si prende l’onere, si accolla, il debito residuo alle stesse condizioni stabilite precedentemente tra la banca ed il vecchio mutuatario. La persona che si accolla il mutuo diverrà il proprietario dell’immobile solo una volta terminato il rimborso del credito che si è accollato.

I soggetti coinvolti nella procedura di mutuo accollo sono:

  • il mutuatario originario (definito accollato);
  • l’ente creditore (accollatario);
  • chi vuole acquistare l’immobile (accollante).

Tipologie di mutuo accollo

Esistono due principali tipologie di accollo mutuo:

  • accollo liberatorio (o accollo privativo). Con la stipula dell’atto di accollo, l’accollato perde automaticamente ogni obbligazione nei confronti dell’ente a cui deve rimborsare la somma di denaro; il rimborso del debito residuo rimarrà, diverrà obbligatoriamente compito dell’accollante;
  • accollo cumulativo. L’accollato rimane vincolato alla banca insieme all’accollante. Nel caso che l’accollante non riesca a pagare le rate del prestito, la responsabilità del rimborso ritorna all’accollato.

In Italia la legge prevede che l’ accollato sia sgravato da qualsiasi vincolo nei confronti della banca solo nel caso in cui sia espressamente scritto nel conratto sottoscritto; al contrario il debitore originario rimane obbligato in solido con l’accollante, a meno che non venga richiesto al creditore (la banca) di essere liberato dal vincolo e questi dia la sua approvazione.

Conviene l’accollo di un altrui mutuo?

Può essere conveniente per chi subentra dato che vengono meno le spese che l’accensione di un nuovo mutuo comporta. È decisamente importante verificare con attenzione che le clausole e le condizioni contrattuali siano effettivamente vantaggiose e che non ci sia il rischio di non riuscire a pagare le rate.

Se il mutuo originario presenta condizioni non convenienti è consigliato accenderne uno nuovo con le caratteristiche corrispondenti ai vostri bisogni.

Un esempio tipico di scarsa convenienza per l’accollante potrebbe riferirsi all’andamento dei tassi di interessi peggiori rispetto a quelle di oggi. Accollandosi il mutuo, si pagheranno di conseguenza interessi maggiori. Attualmente, avendo gli spread delle banche elevati, potrebbe essere interessante accollarsi un mutuo stipulato prima del 2011 a tasso variabile perchè l’Euribor è invece ai minimi storici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su