Gennaio 2013. La situazione del mercato dei mutui e prestiti

Cominciamo con l’augurare ad ogni visitatore di Mutuionline 100 un 2013 ricco di soddisfazioni e serenità.

Buon 2013 da Mutuionline-100.it

Come sarà questo 2013 nel settore dei mutui e prestiti, la situazione si evolverà?

L’anno appena cominciato è da ritenersi un anno assai importante per gli eventi che fin da subito caratterizzeranno l’Italia. Infatti, le elezioni politiche sono alle porte e da chi vincerà si potrà capire come l’economia potrà svilupparsi. Sappiamo che il 2012 è stato un anno orribilis per l’erogazione del credito da parte delle banche ed il mercato immobiliare ha risentito pesantemente delle ristrettezze imposte e delle condizioni economiche, oltre all’introduzione dell’Imu. Se verrà confermato, il mercato dei mutui chiuderà il 2012 con un pessimo -44/-45 % dei prestiti casa erogati rispetto al 2011. Un bilancio che sancisce il crollo del settore. Ma perchè è diventato così difficile farsi concedere un prestito?

La risposta è complessa e varia da situazione a situazione, ma principalmente è la mancanza di liquidità degli istituti di credito, che dovendo rientrare nei parametri di Basilea 3, quindi devono abbassare la soglia di credito da erogare e rientrare dalle sofferenze accumulate. Come questa lunghissima crisi ci ha insegnato, i dettami della BCE e dell’Unione europea ci costringono a stringere la cinghia. L’austerità, l’Euro e le politiche di pareggio di bilancio sono deleterie, questo lo dicono premi Nobel dell’economia, ma anche il barista sotto casa o il piccolo/medio imprenditore si è accorto dei danni dell’anno di Monti e del decennio Euro, ma sembra essere considerata l’unica alternativa e non si cercano vie differenti (è un grande ricatto?). Chiediamoci: perchè?

Questo pensiero si ricollega alle elezioni. Il PD, il primo partito, secondo i sondaggi, sembra voler seguire la strada tracciata dal governo tecnico (anche se non è assolutamente di sinistra) e quindi se vincerà si prevede forse un altro periodo all’insegna dell’austerità (per la classe media e bassa). Gli unici fuori dal coro sembrerebbero quelli del M5S, ma hanno ancora un programma scarno, e quelli della Lega, ma che hanno un recente passato disastroso.

Informandomi, sono riuscito ad arrivare ad un gruppo “economia 5 stelle” dove la discussione è molto più articolata e completa supportata da tecnici e professori e le proposte sono molto differenti dal rigore promosso dal PD. L’ho trovato molto interessante e se verranno aggiunte al programma mi troveranno favorevole (anche se son scettico, ma la proposta mi trova d’accordo in grandissima parte e a favore finalmente della classe media e dell’imprenditoria). Eccovi il link per maggiori informazioni, valutate voi:

https://www.facebook.com/groups/341357459231627/

Poi c’è anche il partito di Berlusconi che fa dichiarazioni molto differenti, ma è un continuo cambiare opinione e la credibilità del partito e del leader è veramente minima. Il centro capitanato da Casini è gemellato con l’agenda Monti, l’Idv potrebbe non farcela ad entrare in parlamento ed altre forze in campo sono nella stessa situazione.

Concludendo vi aspetto dopo le elezioni per fare previsioni sul nuovo anno appena cominciato, il 2013 si presenta un anno davvero interessante e il mercato dei mutui e dei prestiti potrebbe cambiare rotta. La vostra opinione è molto ben accetta e sarebbe interessante capire come prevedete il 2013 e le elezioni (soprattutto l’aspetto economico).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su